EES EUROPE 2018

Monaco di Baviera, 20-22 giugno: ees Europe è il salone specialistico dedicato alle batterie e ai sistemi di accumulo energetico più grande e visitato d'Europa

La crescente richiesta di batterie nel settore dei trasporti e in tutto il comparto delle energie rinnovabili
implica necessariamente un'evoluzione nella produzione dei sistemi di accumulo energetico: le nuove tecnologie
manifatturiere nonché la realizzazione di centri di assemblaggio e di stabilimenti
produttivi saranno la base della produzione in serie e in massa delle batterie. Questa
trasformazione offre enormi possibilità per i costruttori e i fornitori del settore
automotive. Secondo le previsioni della società di consulenza Deloitte il mercato per le
batterie e le celle a combustibile dai 5,5 miliardi di euro odierni potrebbe crescere sino a
oltre 81 miliardi di euro nel 2025 in Germania, Cina e regione NAFTA (Stati Uniti, Canada
e Messico). Ees Europe, il salone specialistico dedicato alle batterie e ai sistemi di
accumulo energetico più grande e visitato d'Europa, dedica a questo importante tema un
proprio settore espositivo e un ricco programma di interventi.
La produzione di batterie beneficia della crescente capacità di attrazione della mobilità ecologica:
l'industria automobilistica, per esempio, ha annunciato che nel 2018 partirà un'iniziativa volta a
spingere le auto elettriche. Entro il 2025 Audi, BMW, Mercedes e Volkswagen intendono entrare in
concorrenza con il leader del settore Tesla, offrendo almeno il 15-25 per cento della propria flotta
come variante elettrica. Nel settore approvvigionamento energetico cresce la necessità di
immagazzinare l'elettricità proveniente da energie rinnovabili come il fotovoltaico, in modo da
poterla sfruttare con flessibilità in termini di tempo e luogo. Nell'ambito del progetto del governo
tedesco di aumentare la quota di energia pulita al 50 per cento entro il 2030 gli accumulatori sono
imprescindibili.
Di conseguenza servono più batterie, indipendentemente dai settori energetici. Decisivi per
l'aumento delle quote produttive, e quindi per la riduzione dei costi, sono le tecnologie sofisticate
impiegate per la produzione delle batterie. In Germania ultimamente si sono fatti passi da gigante
in questa direzione. Il costruttore automobilistico Daimler, ad esempio, prosegue l'ampliamento
della produzione di moduli nel suo stabilimento dedicato alle batterie nella città di Kamenz. Il
produttore di batterie Akasol nel 2017 ha aperto a Langen lo stabilimento di accumulatori più

grande d'Europa. Da qui entro i prossimi cinque anni usciranno 10.000 sistemi a batteria ogni
anno.

Riprende con slancio la produzione di celle in Germania ed Europa
Un ruolo centrale spetterà alla produzione di celle in Europa. Il settore è stato dominato finora da
Cina e Corea. Ma per le aziende nostrane l'importazione presenta costi importanti. Inoltre le celle
delle batterie sono necessarie in tutto il mondo e i costruttori automobilistici e gli altri acquirenti
devono spartirsi le capacità produttive con la concorrenza internazionale. Presto questo scenario
potrebbe cambiare: dalla fondazione di TerraE Holding nel 2017 la produzione di celle in Germania
è diventata una realtà. Al consorzio appartengono in totale 17 aziende e istituti di ricerca, tra cui
BMZ Holding GmbH, produttore di moduli per batterie industriali, Siemens AG e ThyssenKrupp
Engineering GmbH. A gennaio 2018 TerraE Holding inizierà con la fase di ricerca e sviluppo per una
produzione in grande serie di celle per batterie agli ioni di litio. Entro il 2028 le capacità produttive
dovrebbero aumentare gradualmente fino a raggiungere i 34 gigawattora l'anno. Anche costruttori
automobilistici come BMW e Volkswagen si stanno muovendo per sviluppare internamente le celle
per batterie. Se i quantitativi continuano ad aumentare, la produzione in loco sarà più conveniente
rispetto all'import dall'Asia. Inoltre questo potrebbe essere un vantaggio importante in un mercato
estremamente competitivo come quello degli autoveicoli.
La Germania, pertanto, è sulla buona strada per stabilire una propria catena del valore per gli
accumulatori a batteria, in modo da coprire autonomamente il suo fabbisogno. A lungo termine
questo porterà vantaggi soprattutto ai costruttori di macchine e impianti. Perché la trasformazione
nel settore automobilistico porta anche cambiamenti per l'industria tedesca tradizionale. Invece di
concentrarsi sulla produzione di cilindri e alberi a camme per motori a combustione, le realtà
dell'ingegneria meccanica possono crearsi nuove opportunità commerciali con la produzione di
batterie: uno sviluppo di grande importanza. Per avere un futuro, anche i produttori meccanici
dovranno costruire pilastri alternativi e innovativi su cui appoggiarsi, come sta facendo il settore
automobilistico.

La ricerca sulle celle delle batterie sta cambiando il mercato
Le attività di ricerca in Germania sono fortemente indirizzate allo sviluppo di tecnologie per le
batterie. L'Università Tecnica di Aquisgrana (RWTH), attiva nell'ambito del consorzio TerraE, svolge
i suoi progetti di ricerca lungo l'intera catena di valore degli accumulatori di energia. Anche
l'Associazione tedesca dei costruttori di macchine e impianti (VDMA) continua a riunire ricercatori,
produttori e utilizzatori, per portare avanti innovazioni nella catena di processo della produzione di
batterie. I fondi stanziati dal governo tedesco per TerraE, 5,5 milioni di euro per una durata di 18
mesi, contribuiscono a portare avanti la produzione delle celle per batterie in Germania. Inoltre
anche la Commissione europea ritiene le "giga-fabbriche" ammissibili al finanziamento. Si parla di
250 milioni di euro all'anno che la Commissione intende investire nel potenziamento di nuovi centri
per la produzione in serie e in massa.
Il settore ricerca e sviluppo dovrà inoltre trovare alternative ai materiali necessari alla produzione
di batterie, come il litio e il cobalto. Secondo l'agenzia tedesca per le materie prime DERA la
domanda mondiale di batterie agli ioni di litio da circa 33.000 tonnellate potrebbe come minimo
raddoppiare entro il 2025. Già oggi c'è la tendenza a sviluppare tecnologie per batterie in grado di
emanciparsi in futuro da materiali che scarseggiano come il cobalto. In questo contesto acquisisce
un'importanza sempre maggiore l'attenzione al riciclaggio. Inoltre i produttori automobilistici e gli
altri acquirenti attribuiscono sempre più valore agli standard ambientali e sociali, per garantire la
sostenibilità della catena dei materiali per le batterie.

ees Europe coglie le ultime tendenze
ees Europe si occuperà di questo tema sia durante il salone che con l'ees Europe Conference. Nel
padiglione C1 di Messe München i protagonisti delle tecnologie produttive per batterie si incontrano
nel forum "Produzione di batterie". In ogni giornata del salone gli esperti del settore produzione e i
rappresentanti di associazioni e istituti di ricerca forniscono informazioni sugli ultimi sviluppi e
innovazioni. Il forum è incorporato in un settore espositivo dedicato alle tecnologie produttive per
batterie, che copre tutti i temi importanti di questo comparto industriale, dalla costruzione di
impianti fino alla componentistica per batterie, passando per la ricerca. Anche l'ees Europe
Conference riprende la tematica produzione di batterie in diverse sessioni, discutendo di
innovazioni nei sistemi a batteria, nuovi materiali, automazione, soluzioni di design e riciclaggio.

 

ees Europe
ees Europe è il salone specialistico dedicato alle batterie e ai sistemi di accumulo energetico più grande e
visitato d'Europa. ees Europe si svolge ogni anno dal 2014 presso Messe München e costituisce la piattaforma di
settore per produttori, venditori, utenti e fornitori di soluzioni e tecnologie di accumulo stazionarie per l'energia
elettrica e per le tecnologie per la fabbricazione di batterie.
La concomitante ees Europe Conference illustra e approfondisce le questioni più attuali del settore.
Con ulteriori eventi ees a San Francisco, Mumbai e San Paolo, l'evento è presente su quattro continenti.
Nel 2018, per la prima volta, parallelamente ad ees Europe si svolge Power2Drive Europe, la fiera specialistica
dedicata alle infrastrutture di carica e all'elettromobilità. Le tematiche di ees Europe vengono integrate alla
perfezione ponendo l'attenzione sulle batterie di propulsione e tutto ciò che riguarda le infrastrutture di carica.
Contemporaneamente, a Monaco si svolgono anche Intersolar Europe, la fiera leader mondiale dedicata
all'industria solare e ai suoi partner ed EM-Power, il nuovo salone specialistico dedicato allo sfruttamento
energetico intelligente in industria ed edilizia. Tutte e quattro le fiere sono riunite sotto il tetto comune di The
smarter E Europe, la piattaforma di innovazione per nuove soluzioni energetiche.


ees Europe e le manifestazioni concomitanti si tengono dal 20 al 22 giugno 2018 sotto l'egida di "The smarter E" presso Messe München.
www.ees-europe.com     www.TheSmarterE.de

 

Share