Il pulper? Non è più un problema

Cesaro Mac Import offre la risposta all'annoso problema dello smaltimento del pulper da cartiera. Una risposta in grado di ridurre del 70% il materiale fino ad oggi destinato alla discarica o all'inceneritore, con un recupero fino al 20% di pasta o fibra di carta

Ogni anno in Italia e in Europa si recuperano milioni di tonnellate di carta dalla raccolta differenziata da riciclare per ottenere nuova carta.
Il recupero di questa importante materia prima comporta la produzione di uno scarto chiamato pulper da cartiera. Fino ad adesso lo smaltimento di questo scarto di lavorazione è avvenuto con grande dispendio di risorse ambientali ed economiche attraverso il conferimento in discariche ed inceneritori. Per evitare tutti questi sprechi, ora però una nuova risposta è possibile: Tiger Depack HS 20 Paper Pulp Solution di Cesaro Mac Import.
L'azienda veneziana infatti, sulla scorta dell'ampia esperienza acquisita nel settore del trattamento dei rifiuti, ha sviluppato negli ultimi 10 anni la gamma Tiger Depack, prodotti brevettati e distribuiti in tutto il mondo, dedicati alla selezione dei materiali. Nel 2017 ne è stata creata una versione dedicata specificamente al trattamento del pulper da cartiera: per l'appunto il modello Tiger Depack HS 20 Paper Pulp Solution, studiato al fine di essere installato in linea con la catena produttiva, per garantire minimo ingombro e massima affidabilità.
Tale macchina si avvale di tutta la competenza di Cesaro Mac Import e Tiger Depack: dalla progettazione, all'inserimento in impianti avviati, all'assistenza e alla fornitura dei ricambi sia in Italia che all'estero.
Con un'unica attrezzatura si ottengono numerosi vantaggi, a partire dalla facilità di inserimento all'interno di un ciclo produttivo avviato sia in ambienti chiusi che all'esterno, grazie alle ridotte dimensioni (solo 21 m2 di superficie occupati) e alla facilità di collegamento (nessuna struttura esterna da predisporre). Con il suo sistema di selezione Tiger Depack HS 20 Paper Pulp Solution è in grado in un solo passaggio di ridurre del 70% il materiale fino ad oggi andato a smaltimento in discarica o inceneritore.
Il materiale recuperato è composto da acqua (che verrà riutilizzata nel ciclo produttivo della carta) e fino al 20% di pasta o fibra di carta. Tale materia prima, che fino ad oggi veniva dispersa insieme al rifiuto pulper, comportando quindi una perdita economica per la cartiera, ora può essere reinserita nel ciclo della materia prima.
I bassissimi costi di gestione e la capacita lavorativa 24 h/24 h della Tiger Depack HS 20 Paper Pulp Solution la rendono uno strumento efficiente ed efficace da inserire all'interno del ciclo produttivo della carta. Infatti, grazie all'utilizzo della Tiger HS 20 PPS, una cartiera moderna potrà concretamente vantare un ciclo produttivo all'avanguardia, mirato alla corretta gestione di risorse preziose quali l'acqua e la cellulosa. Il ritorno economico dell'investimento si verificherà fra l'altro in brevissimo tempo, visto che la cartiera, oltre ad avvalersi del recupero della materia prima, diminuirà drasticamente la propria dipendenza da impianti di smaltimento rifiuti.
Anche la sicurezza è in primo piano: come macchina industriale per il recupero di materie prime, la Tiger Depack Paper Pulp Solution non ammette compromessi in termini di sicurezza. Sistemi attivi e passivi ne controllano il funzionamento anche da remoto, rispettando i più severi termini di legge in materia di sicurezza. Il quadro comandi è integrato all'interno della struttura in posizione protetta ed isolata. Oltre alle segnalazioni luminose di stato, la macchina è dotata di segnalazione apertura porte con spegnimento istantaneo degli organi in movimento. Da sottolineare poi che le porte esterne con accesso a vani che presentano organi in movimento sono tutte allarmate con chiusura a chiave. Da segnalare che il circuito di emergenza di Tiger Depack è integrabile con il circuito di emergenza dell'impianto di destinazione.

 

Share