Vedere per credere

Viene dalla Polonia, dove ha raccolto vari premi, la nuova scommessa del mondo del recycling: trituratore mobile primario e vaglio mobile a tamburo Pronar conquistano il mercato italiano con un Roadshow, passando dall'Alto Adige, dove ha sede Ecotec Solution Srl, distributore italiano in esclusiva

"Convincono la gamma, la tecnologia, il prezzo, il servizio che offriamo noi di Ecotec Solution. Il prodotto polacco ci ha convinto subito appena abbiamo visto lo stabilimento di produzione e le macchine lavorare; ora lo proponiamo sul mercato italiano dove sta riscuotendo un grande successo, grazie alla presentazione a Rimini, Ecomondo e anche grazie a questo Roadshow dove è possibile, al di là delle parole, vedere le due macchine al lavoro in contesti diversissimi e con tutti i tipi di materiali" .
Esordisce così Martin Mairhofer, Managing Director dell'altoatesina Ecotec Solution Srl con sede a Lana (BZ), che accompagna il treno di macchine, con i tecnici al seguito, nel Roadshow che l'azienda ha programmato per far conoscere in maniera capillare il prodotto.
Intanto le macchine, velocemente sistemate sul piazzale dove devono lavorare, hanno già iniziato a triturare rifiuti misti di legno provenienti da demolizioni, compresi pannelli, mobili, pallets. Il prodotto ottenuto, separato in due differenti frazioni, è destinato ad un produttore di pannelli di legno proveniente da materiale riciclato. Il cliente ideale per questi impianti mobili è un centro di riciclaggio e recupero dove la necessità è quella di spostare velocemente le macchine e i cumuli; dove vi siano diverse tipologie di materiale da trattare e spostare.
La qualità più importante dei vagli e trituratori Pronar, tutti gommati (disponibili a richiesta anche le versioni cingolate), è appunto la facilità di spostamento. Ma se è facile trovare il vaglio su gomma, sanno bene gli addetti ai lavori che il trituratore su gomma non è invece disponibile nelle gamme dei produttori se non parzialmente (alcuni modelli). Pronar offre una soluzione tecnologicamente avanzata in questo senso.
Per la gestione dell'intero processo occorrono un addetto su caricatore industriale per caricare la tramoggia e un addetto alla pala gommata per rimuovere il materiale messo a cumulo. Trituratore e vaglio invece, una volta configurati come desiderato, a seconda dei materiali da processare e una volta impostati i parametri di lavorazione, non richiedono assistenza di personale. La macchina è semplice da mantenere e da gestire.


La gamma di macchine

Vagli mobili a tamburo MPB
I modelli disponibili sono quattro, MPB 14.44 / 18.47 / 20.55 / 20.72.
Il loro compito è quello di effettuare la separazione dimensionale dei materiali.
La prima cifra indica il diametro del tamburo, dal più piccolo di 1,4 m al maggiore di 2 m e la seconda cifra indica la lunghezza del tamburo montato sulla macchina: dal primo che misura 4,4 m si passa al modello da 4,7 m, poi 5,5 m e infine il maggiore 7,2 m di lunghezza.
Solido design e semplice principio di funzionamento ne fanno macchine adatte a molte tipologie di materiali compresi terre e terreno contaminati, compost e torba, rifiuti solidi urbani, macerie da costruzione e da scavi, sfridi legnosi, cippato e corteccia, inerti (sabbia, ghiaia, ghiaino) e materiale spiaggiato.
I tamburi sono intercambiabili e possono essere fabbricati secondo le esigenze del cliente per dimensioni del foro, spessore e forma del foro che può essere sia rotonda che quadrata. Le dimensioni di trasporto sono compatte e garantiscono di viaggiare facilmente (velocità fino a 100 km/h) con omologazione europea, senza permessi speciali come rimorchi.
Le porte laterali consentono il facile accesso al motore e all'impianto idraulico, montati su un telaio estraibile che garantisce il facile accesso per le operazioni di manutenzione. Il pannello di controllo delle funzioni è di facile utilizzo. La velocità del nastro è regolabile per adattarsi alla velocità del materiale da trattare e ottimizzare così le potenzialità del vaglio.
I due modelli intermedi sono disponibili anche in versione cingolata: un autotelaio completamente autonomo permette di lavorare senza disturbi e ulteriori macchine a traino. Il cingolato si sposta autonomamente in cantiere in qualsiasi momento (carro Caterpillar con due velocità di movimento per la traslazione precisa e sicura).
I due modelli cingolati sono identificati dalle sigle MPB 18.47g e 20.55g.
Fra gli optional disponibili in base alle lavorazioni previste vi sono il separatore ad aria per la frazione leggera (carta o plastica), il separatore magnetico per rimuovere le parti ferrose, che può essere montato sia sopra che sotto i nastri di scarico. Infine è disponibile la griglia sassi comandata idraulicamente attraverso telecomando, utile per proteggere il tamburo e la tramoggia.
La macchina è dotata di telecomando per il controllo delle funzioni principali, compresa la gestione della griglia idraulica sopra-tramoggia, in modo che l'operatore possa rimuovere il materiale accumulato senza lasciare la sua posizione.

Trituratori mobili primari MRW
I modelli sono tre: MRW 2.85 / MRW 2.85g / MRW 2.1010.
Il trituratore mobile primario Pronar è una macchina universale per il trattamento di diversi materiali e rifiuti di ogni genere: RSU, ingombranti, legno da demolizione, calcinacci, ceppi e radici e molto altro.
Il grande vantaggio di questa macchina è la mobilità, tutti i modelli sono disponibili gommati e si spostano facilmente con un camion o altra macchina da costruzione.
Il trituratore è allestito con un motore diesel da 298 kW di potenza. La triturazione avviene grazie a due rotori sincronizzati nella camera principale. La tecnologia si adatta facilmente a qualsiasi realtà operativa grazie a una vasta scelta di configurazioni rotori e a un software di gestione molto facile.
La camera di triturazione è realizzata in materiali ad alta resistenza per estendere la vita della macchina.
Fra le altre caratteristiche tecniche degne di rilievo:
• velocità regolabile del nastro per poter adattare la velocità in base al tipo di materiale da trattare ottimizzando la potenzialità del trituratore e poter trattare più materiale di ogni frazione, senza dover spostare la macchina.
• Pannello di controllo centrale touch screen e indicatore di stato operativo della macchina per controlli di stato e allarmi di sicurezza.
• Telecomando per le funzioni base della macchina.
• Staffe di sostegno idrauliche per migliorare la stabilità su terreni irregolari.
• Conferimento materiale attraverso tramoggia ribaltabile idraulica azionata con telecomando.
• Omologazione alle norme di circolazione europee, circolazione stradale fino alla velocità di 100 km/ora.
• Lubrificazione centralizzata della macchina.
• Sistema Cleanfix per pulizia automatica del radiatore del motore per evitare il surriscaldamento dovuto all'eventuale operatività in ambienti di lavoro polverosi.
• Sistema Cleanfix per la pulizia del radiatore del motore idraulico.
• Disponibilità di diversi tipi di rotori di triturazione.
• Separatore magnetico per materiali in ferro.

 

Share